1 Ottobre 2022

Viaggio nei Balcani

La penisola balcanica è sempre stata un crocevia di culture e popoli diversi. Alcuni dei più grandi eventi che hanno determinato la storia europea e mondiale sono accaduti proprio qui.

L’ultima in ordine di tempo fu “la guerra dei Balcani” che ha cambiato profondamente la composizione del territorio.
In questo articolo mi concentrerò sui paesi che componevano la vecchia Jugoslavia.

Dal 1991 ad oggi sono sorti nuovi stati basati principalmente sulle divisioni etniche della penisola, causa principale dei recenti conflitti; Slovenia, Croazia, Bosnia Herzegovina, Serbia, Kosovo, Montenegro e Macedonia del Nord.

Le mete più famose per i turisti di tutta Europa sono la Slovenia e la Croazia. La prima per la sua natura incontaminata e gli splendidi paesaggi; lago di Bled, grotte di Postumia, le montagne e l’affascinante capitale Lubiana. La seconda per il mare cristallino, le centinaia di isole ricche di spiagge e le antiche città tra cui Zara, Spalato e Dubrovnik.

Se proseguiamo invece verso est, possiamo trovare ancora quei Balcani autentici dove sopravvivono le vecchie tradizioni. Bosnia Erzegovina rappresenta al meglio la diversità culturale di questa terra. Qui si intrecciano tre diverse religioni, musulmana, cattolica e ortodossa. E’ un paese poco battuto dal turismo di massa ma che offre moltissimo ai viaggiatori; tanta natura ricca di fiumi e cascate, piccoli paesi dove il tempo scorre lentamente, ottimo cibo e accoglienza delle persone. A Sarajevo, nella capitale del paese, sembrerà di esservi trasportati in una città mediorientale ricca di moschee, mercati, sapori, dove ogni edificio porta segni della storia. A Mostar vedrete la differenza tra il lato musulmano e quello croato-cattolico divisi da un ponte sul fiume Neretva. Se invece vi spostate nel nord est del paese, lo scenario cambia ancora. Qui la maggioranza degli abitanti sono serbo-ortodossi con le loro chiese e uno stile di vita diverso.

La capitale della vecchia Jugoslavia, Belgrado, oggi è una metropoli cosmopolita che guarda al futuro ma allo stesso tempo rimane legata alle sue origini. Non fa ancora parte di quelle capitali europee che ogni turista segna sulla propria lista dei luoghi da visitare. E invece ha tutto il diritto di starci perché è una città dove si mescolano moschee e chiese, stile Neoclassico e Academico, gusto europeo e neobizantino, Art Nouveau e murales, brutalismo e realismo socialista. La posizione sulla confluenza dei due fiumi, Sava e Danubio rende tutto ancora più affascinante. La Serbia non è solo la sua capitale ma molto altro, tra cui la splendida Novi Sad e tanti paesi dove vivere esperienze al di fuori di quello stile “europeo” a cui siamo abituati.

Il Kosovo, lo stato più giovane d’Europa, non ha molte recensioni turistiche eppure è uno scrigno di sorprese. La capitale, Pristina, è una delle città più vivaci dell’Europa orientale ricca di eventi e festival. Basta spostarsi di poco e si trovano antichi borghi, foreste incontaminate e parchi nazionali dove non ci si annoia mai. Nel Kosovo convivono albanesi e serbi mentre nella città-gioiello di Prizren si parla anche il turco.

Ritornando verso la costa adriatica troviamo il Montenegro che non è solo mare e spiagge di Herceg Novi, delle Bocche di Cattaro o di Budva ma anche montagne per gli amanti dello trekking e corsi d’acqua per chi vuole fare rafting e molto altro.

La Macedonia del Nord è la perla dei Balcani, circondata da monti, colline e vaste pianure dove una delle più famose attrazioni è il lago di Ohrid.
Il lago prende nome dall’omonimo paese e sulle sue rive si può visitare una chiesa semisommersa, visibile interamente solo quando il livello delle acque scende.

La capitale Skopje, distrutta completamente da un terremoto nel 1963 e poi ricostruita, è famosa per la casa natale di Maria Teresa di Calcutta.

Vorrei menzionare inoltre l’Albania, un paese che negli ultimi anni è sempre più frequentato dai turisti ma ancora misterioso e sorprendente. Oltre al mare turchese troverete città ricche di storia, montagne e paesaggi selvaggi e villaggi dove il tempo sembra essersi fermato. La sua gente è orgogliosa e accogliente e vi farà sentire benvenuti ovunque andiate.

Per raccontare la penisola balcanica servirebbero molti libri, in questo articolo ho cercato di darvi un assaggio di ciò che offre ogni paese. Per esplorare e scoprire con i vostri occhi e toccare con mano questa parte ancora poco battuta dell’Europa, contattatemi e organizzeremo un viaggio che vi resterà nel cuore per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Marko Urukalo

Marko Urukalo

Travel Designer

Al momento sono offline

Marko Urukalo
Ciao 👋
Come posso aiutarti?
WhatsApp